Con il termine ginecomastia ci si riferisce ad un anomalo sviluppo delle dimensioni della ghiandola mammaria nell’uomo. Le cause dell’insorgenza sono numerose e possono derivare da uno squilibrio ormonale, da fattori genetici o in seguito all’assunzione di particolari farmaci.

L’intervento chirurgico (comunemente detto mastoplastica riduttiva per l’uomo) permette di asportare il tessuto in eccesso ottenendo un generale miglioramento del profilo corporeo del paziente oltre che un maggior benessere psicologico.

A chi si rivolge l’intervento?

L’intervento di ginecomastia si rivolge ai pazienti che presentano un insolito sviluppo delle mammelle dovuto alla presenza di tessuto ghiandolare o adiposo.

La visita pre-operatoria è di fondamentale importanza nella pianificazione dell’intervento di ginecomastia poiché permette di confrontare i desideri del paziente con i risultati che si possono ottenere. Oltre agli esami pre-operatori di routine, viene prescritta un’ecografia mammaria per valutare lo stato di salute e l’idoneità del paziente alla procedura chirurgica.

Tipologie di ginecomastia

In base alle diverse caratteristiche della ginecomastia vengono individuate differenti classificazioni:

  • Ginecomastia Vera, la componente ghiandolare genera l’aumento del volume della mammella
  • Ginecomastia Falsa o “Pseudoginecomastia”, in cui l’inestetismo è causato dall’aumento di tessuto adiposo nell’area interessata
  • Ginecomastia Mista, quando l’eccesso è dovuto sia al tessuto ghiandolare sia a quello adiposo

 

L’intervento di ginecomastia

La correzione della ginecomastia è un intervento che viene eseguito per ridurre il volume in eccesso del seno maschile per restituire tonicità e virilità al torace. Sono previste differenti tecniche chirurgiche a seconda della tipologia di ginecomastia rilevata.

Ginecomastia vera

Nel caso in cui il rigonfiamento della mammella sia dato dallo sviluppo anomalo della ghiandola mammaria, viene effettuato un intervento di asportazione della porzione ghiandolare attraverso una piccola incisione.

Ginecomastia falsa o pseudoginecomastia

Quando la ginecomastia è causata da un eccesso di tessuto adiposo viene effettuata una mini liposuzione che permette di asportare l’adipe localizzato miratamente dalla zona pettorale. Attraverso piccole incisioni vengono inserite delle sottili cannule all’interno degli accumuli adiposi per aspirare in modo armonico e simmetrico gli eccessi.

Ginecomastia mista

Nei casi in cui l’eccessivo sviluppo sia causato sia dalla ghiandola mammaria che dagli accumuli adiposi, vengono applicate entrambe le tecniche di ginecomastia e mini liposuzione.

Recupero post-intervento

Dopo qualche giorno il gonfiore dovuto all’intervento diminuisce fino al completo riassorbimento.

Nell’immediato post-operatorio viene applicata una medicazione compressiva di sostegno che dovrà essere indossata per le successive 48-72 ore. In seguito verrà sostituita con fascia elastica da mantenere per le seguenti due settimane.

  • Dopo 7-10 gg è possibile tornare al lavoro
  • Per il primo periodo si consiglia di evitare saune, bagni turchi e l’esposizione diretta al sole
  • Dopo 3 mesi è possibile tornare a praticare attività sportiva, sforzi fisici importanti